La Magna Grecia la Murgia e le Gravine

 Chiesa rupestre di San Nicola a Mottola una delle tante della Magna Grecia

Fessure profonde, montagne capovolte, grotte carsiche naturali, terrazze a mezz’aria, pareti scoscese: qui  nella Magna Grecia la pietra è protagonista. Ti sentirai come se fossi nei canyon d’America, non sull’ Alta Murgia del territorio barese o  nelle gravine tarantine.

Tra le numerose chiese rupestri, da non perdere San Michele a MottolaAltamura è nota per la produzione di pane DOP unico in Europa;  per le oltre 300.000 impronte di dinosauri nella cava Pontrelli e l’ Uomo di Altamura  che si può collocare tra i Neanderthal ed Herectus.

Ippovie e buona cucina nel territorio delle Murge

In sella al cavallo Murgese imboccare il primo tratto dell’ Ippovia dei Trulli e  l’ Ippovia della Murgia, inaugurato nel 2011 dall’associazione regionale del Cavallo Murgese di Noci. Si estende per una trentina di chilometri partendo da Altamura,  a Cassano delle Murge, attraversando Foresta Mercadante e se ti piacciono la mozzarella e la burrata, fermati a Gioia del Colle, il regno della carne di cavallo e delle rosticcerie annesse alle macellerie, sono famose le sue mozzarelle, le burrate, ma anche le zampine, le salsicce arrotolate e il Primitivo Doc.

Le Gravine caratterizzano il paesaggio della Magna Grecia in Puglia

 

Gravine che caratterizzano la Magna Grecia a Gravina di Puglia

Più a sud nel Parco delle Gravine, che circonda il Golfo di Taranto, Laterza è la gola più grande d’Europa con i suoi 12 km di lunghezza, famosa per la tradizione del pane.

Mottola da visitare la  cripta di San Nicola con i grandi affreschi del Giudizio Universale,  visitare la chiesa rupestre di Massafra del X-XI secolo.

A Crispiano, e bello  soggiornare nella campagna delle cento masserie. Per i bagni di mare,  Castellaneta Marina con pinete d’Aleppo, spiagge di sabbia bianca e acque cristalline è il luogo più adatto.

A 15 minuti  Taranto, l’antica capitale della Magna Grecia, dove su un’isola sorge un ponte girevole che separa la Città Nuova dalla Vecchia.  Da non perderre la straordinaria collezione degli Ori di Taranto, il Museo Archeologico Nazionale, uno dei musei più importanti d’Italia, prima di raggiungere Grottaglie per una passeggiata nel quartiere della Ceramica.